Trastuzumab deruxtecan vs T-DM1 per il carcinoma mammario

In un'analisi ad interim pre-specificata dello studio DESTINY-Breast03, l’anticorpo monoclonale coniugato trastuzumab deruxtecan ha ridotto il rischio di progressione della malattia del 72% rispetto a trastuzumab emtansine (T-DM1) in pazienti con carcinoma mammario metastatico HER2-positivo precedentemente trattate con trastuzumab e taxano

Dati su sutimlimab per la malattia da crioagglutinine

I dati dello studio CADENZA dimostrano che il trattamento con sutimlimab determina un'inibizione rapida e sostenuta dell'emolisi attivata da C1 nei soggetti con CAD entro una settimana dal trattamento e a miglioramenti clinicamente significativi dell'emoglobina e della fatica rispetto al placebo nel corso dello studio stesso

Dati su trastuzumab deruxtecan per il carcinoma mammario HER2+

L'IDMC ha raccomandato l’apertura del cieco sulla base del risultato dell’endpoint primario di efficacia nello studio head-to-head DESTINY-Breast03 che ha dimostrato la superiorità di trastuzumab deruxtecan rispetto allo standard di cura nel cancro al seno metastatico HER2-positivo. I risultati indicano anche una forte tendenza al miglioramento del dato di sopravvivenza globale

Delgocitinib in crema nell’eczema cronico delle mani

LEO Pharma ha avviato il primo trial clinico di Fase 3 con delgocitinib in crema per pazienti adulti con eczema cronico delle mani moderato-grave

Primi dati su datopotamab deruxtecan nel carcinoma mammario triplo negativo metastatico

I risultati preliminari dello studio di fase 1 TROPION-PanTumor01 sull'anticorpo monoclonale coniugato di Daiichi Sankyo e AstraZeneca incoraggiano a proseguire la ricerca

Dati su betibeglogene autotemcel (beti-cel) per la β-talassemia

I dati presentati all'edizione virtuale di EHA2021 mostrano che la terapia genica una tantum betibeglogene autotemcel (beti-cel) per la β-talassemia continua a dimostrare efficacia duratura in pazienti di tutte le età e genotipi

Dati su amivantamab nel carcinoma polmonare non a piccole cellule

Sono stati presentati ad ASCO 2021 i risultati preliminari dello studio di fase 1 CHRYSALIS sul trattamento con amivantamab in combinazione con lazertinib in pazienti naïve alla chemioterapia con carcinoma polmonare non a piccole cellule EGFR-mutato con delezione dell'esone 19 o mutazione L858R, la cui malattia sia progredita dopo il trattamento con osimertinib. Presentata anche un’analisi comparativa valuta amivantamab in monoterapia rispetto a trattamenti correnti nel carcinoma polmonare non a piccole cellule EGFR-mutato con inserzione dell’esone 20 con recidiva dopo chemioterapia a base di platino

Elivaldogene autotemcel per l’adrenoleucodistrofia celebrale

Il Comitato per i medicinali per uso umano (CHMP) dell'Agenzia Europea per i Medicinali (EMA) ha espresso parere positivo raccomandando l'autorizzazione all'immissione in commercio di elivaldogene autotemcel. Questa terapia genica sperimentale una tantum si sta dimostrando in grado, in una buona percentuale di casi, di stabilizzare la progressione della malattia evitando la perdita di funzioni neurologiche

Dati su guselkumab nell’artrite psoriasica

Guselkumab, inibitore selettivo dell’interleuchina (IL)-23, ha mostrato buoni risultati su sintomatologia articolare e clearance cutanea completa in pazienti con precedente fallimento a farmaci anti-TNF-alfa

Patritumab deruxtecan nel carcinoma polmonare non a piccole cellule

Dati preliminari di studi sull’anticorpo monoclonale coniugato anti-HER3 patritumab deruxtecan (HER3-DXd) mostrano una risposta tumorale clinicamente significativa e duratura in pazienti affetti da carcinoma polmonare non a piccole cellule avanzato EGFR+ resistente agli inibitori tirosin-chinasici dell’EGFR, in particolare dimostrano efficacia in termini di risposte su meccanismi multipli di resistenza